Che cos’è la formazione …

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Scuola
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

La formazione serve ad operare meglio e allo stesso tempo ad intersecare obiettivi ed aspetti innovativi. Le chiavi metodologiche devono essere un elemento continuativo di indicazioni e riflessioni, di esperienze significative e nuove. Essa è un approccio utile per saggiare l’applicazione e l’interesse, superando il divario con le nuove generazioni, non si devono creare fratture tra le due, che simultaneamente sono in lizza; la documentazione e la formazione sono guida per disseminare non soltanto contenuti ma soprattutto esperienze nuove.

La perfezione dell’uomo consiste proprio nello scoprire le proprie imperfezioni…

Novità coinvolgenti per personale ed allievi, un puzzle che si costruisce ove ancora sono deficitari alcuni tasselli, il background sociale, lo svecchiamento dell’Istituzione, e per ultimo ma non per importanza il limite degli strumenti a disposizione della comunità scolastica.

C’è un divario tra Nord e Sud?

Un quesito irrisolto, dal momento che le energie e il dispendio umano è centralizzato da un’ unica Legge, che cosa potrebbe essere a fare la differenza?

Formarsi è…

Le nuove classi dovrebbero essere dei laboratori, ove sapere e saper fare collimano e soprattutto operano in sintonia per un default da spendere in una società globalizzata e fuggevole, che non vuole più fermarsi a sfogliare le pagine di un libro ma atta a migliorare la concentrazione e la memoria con input immediati in un tempo, che sembra essere passato mentre si vive il presente .

L’uomo del futuro?

Un allievo che ha imparato dal presente e da un docente che ha percepito il valore della formazione continua, ponendo in essere, le basi solide dell’operosità tralasciando l’inerzia.

Felice Antico

Lascia un commento